HOME
CHI SIAMO
DOVE SIAMO
IN EVIDENZA
NOTIZIE ED ATTIVITA'
COME SI DIVENTA SOCI
LINK
CONTATTACI
ARCHIVIO
Associazione Parkinson Insubria Sezione di Novara
HOME




Benvenuti nel sito dell'Associazione Parkinson Insubria (As.P.I.)   Sezione di Novara

 
Che cos'è la malattia di Parkinson 


La malattia di Parkinson è la malattia neurologica degenerativa più diffusa dopo la malattia di Alzheimer. Colpisce generalmente soggetti con età superiore ai 50 anni, con una leggera prevalenza per il sesso maschile. Si stima che in Italia vi siano attualmente più di 400.000 malati, con circa dagli 8.000 ai 10.000 casi nuovi ogni anno.  
La malattia è caratterizzata dalla degenerazione cronica, lenta e progressiva delle cellule cerebrali (neuroni) di una zona ridotta e ben specifica del sistema nervoso centrale, situata in profondità nel cervello, chiamata sostanza nera. Questi neuroni
producono dopamina, che è una sostanza (neurotrasmettitore)  essenziale per il controllo dei movimenti corporei. E' accertato che i sintomi cominciano a manifestarsi allorquando circa dal 70% all'80 % dei neuroni in questione non sono più funzionanti.

  
I sintomi principali sono i seguenti:

· Tremore
· Lentezza nei movimenti
· Rigidità muscolare
· Instabilità posturale


Oltre ai sintomi motori caratteristici, il paziente parkinsoniano può presentare spesso sintomi non motori che contribuiscono a peggiorare la sua qualità di vita:
· Eccessiva presenza di saliva in bocca (scialorrea)
· Disturbi urinari
· Problemi gastrointestinali e stipsi
· Disfunzioni sessuali
· Vertigini
· Ipersudorazione
· Deficit di memoria e capacità cognitive
· Ansia e depressione
· Confusione
· Dolore
· Disturbi del sonno

Il trattamento della malattia si basa su tre interventi fondamentali:
- Terapia farmacologica volta soprattutto al reintegro della dopamina cerebrale
- Terapia riabilitativa per tenere sciolte le articolazioni e tonici i muscoli
- Assistenza psicologica per consentire al malato ed ai suoi familiari di convivere  positivamente  con la   malattia.

Ad oggi le cause della degenerazione dei neuroni della sostanza nera non sono ancora note.
In una piccola percentuale di casi precoci (che si manifestano sotto i 40 o 50 anni), sembrano essere coinvolti alcuni geni mutati il che dimostra che alla base della patologia non sembra esserci una forte componente genetica.
Oggi si pensa piuttosto che alcuni soggetti presentino una predisposizione genetica che unita all’esposizione a sostanze tossiche ambientali (erbicidi, pesticidi, metalli pesanti) possa aumentare il rischio per loro di sviluppare la malattia.












 

HOMECHI SIAMODOVE SIAMOIN EVIDENZANOTIZIE ED ATTIVITA'COME SI DIVENTA SOCILINKCONTATTACIARCHIVIO